Cosmetici bio: a cosa fare attenzione sull’etichetta? Per i prodotti bio, così come per ogni prodotto di cosmetica, cura ed igiene personale, leggere l’etichetta è estremamente importante, per scegliere i prodotti più adatti alla propria pelle ed evitare l’incorrere nel rischio di allergie. Ecco quindi alcuni suggerimento e tutto quello che c’è da sapere in merito a cosa fare attenzione quando si legge l’etichetta di un cosmetico bio.

Perché è importante leggere l’etichetta di un cosmetico bio

Perché è importante leggere l’etichetta dei cosmetici bio? Questi cosmetici che ormai fanno parte della beauty routine di molte donne, proprio perché, essendo bio, sono principalmente composti di ingredienti naturali, a volte passano inosservati per la presenza di alcuni ingredienti non proprio organici e di origine naturale. Distinguere un prodotto veramente biologico e naturale non è sempre facile ed immediato, ma per farlo bisogna partire dall’etichetta. Di qui, l’importanza che ha imparare a leggere l’etichetta di un prodotto cosmetico bio e quindi gli ingredienti in esso contenuti.

Sull’etichetta dei cosmetici, biologici o non, è riportata l’Inci, in inglese International Nomenclature of Cosmetics Ingredients, ovvero l’elenco degli ingredienti presenti all’interno del prodotto e riportati sull’etichetta secondo la nomenclatura internazionale. Si tratta nella maggior parte dei casi di nomi che figurano scritti in lingua inglese oppure in latino, secondo la denominazione scientifica.

Come sono elencati gli ingredienti sulle etichette dei cosmetici bio

Come sono elencati gli ingredienti sulle etichette dei cosmetici bio? Gli ingredienti innanzitutto vengono inseriti e quindi elencati in base alla loro concentrazione, e quindi alla quantità nella quale sono presenti, all’interno del prodotto. Questi elementi sono indicati in ordine decrescente, partendo da quello presente con la più alta concentrazione, ovvero l’acqua. Questo è infatti il componente presente con le più alte concentrazioni in tutti i tipi di cosmetici. Nella parte centrale o in quella superiore troviamo quindi gli ingredienti presenti per un valore pari o superiore all’1%.

Nei cosmetici bio sono presenti anche due ingredienti apparentemente simili, ma che presentano caratteristiche in parte diverse. Il primo di questi elementi è l’alcool, il comune alcol etilico che si presenta sotto il nome di Alcohol Denat sull’etichetta dei cosmetici, usato principalmente come solvente o come antisettico. L’altro ingrediente è invece l’alcohol, un insieme di sostanze grasse utilizzare per dare consistenza alle creme.

In ogni caso, i principali ingredienti natural contenuti nei cosmetici bio sono facilmente riconoscibili. Questi infatti sono scritti da una parte con il nome in latino della pianta da cui derivano, mentre dall’altra sono seguiti dal nome in inglese che indica la parte della pianta utilizzata. Infine, un ultimo termine, sempre in inglese, sta ad indicare il nome e la tipologia del composto, ad esempio “oil”.

Una sezione dell’etichetta è riservata anche ai coloranti artificiali. Questi fanno riferimento alla scala cromatica chiamata “Color Index”, o CI, e sono seguiti da un numero compreso tra 1 e 5 che ne identifica la tonalità. Se invece nel prodotto sono presenti coloranti naturali, questi verranno indicati con la nomenclatura in latino e, qualora la provenienza fosse di agricoltura biologica, viene specificato con un asterisco.

Quali ingredienti non sono di origine naturale

Quali ingredienti non sono invece di origine naturale ma possono trovarsi in alcuni cosmetici bio? Può capitare, specie per i prodotti che non sono 100% bio, di trovare indicati sull’etichetta alcuni ingredienti la cui nomenclatura non corrisponde a quella stabilita dall’Inci. Si tratta principalmente di tensioattivi chimici, di derivati dal petrolio e di alcuni tipi di conservanti. Eccone alcuni che potreste trovare sull’etichetta:

  • Sodium lauryl sulfate
  • Ammoniun lauryl sulfate
  • Paraffinum Liquidum
  • PEG o PGG
  • Mineral Oil
  • Petrolatum
  • Triclosan
  • Imidazolidinyl urea
  • Amodimethicone
  • Dimethicone
  • Poliquaternium-80
  • DMDM Hydantoin

L’ultimo elemento che solitamente si trova indicato sull’etichetta dei cosmetici bio è invece il profumo, indicato con parfum o fragrance. Questo ingrediente non è completamente dannoso, ma presenta alcuni oli essenziali che generalmente sono dei potenti allergizzanti, fatta eccezione per l’olio essenziale di patchouli che non contiene allergeni.

Cosa utilizzare per imparare a leggere rapidamente le etichette dei cosmetici bio

Per evitare di dover memorizzare tutti nomi degli ingredienti naturali da ricercare sulle etichette dei cosmetici bio, ecco alcune App da installare sul proprio cellulare, sia per Apple che per Android, che ci possono aiutare a leggere le etichette:

  • Cosmetici: contiene un comodo e pratico glossario suddiviso per argomenti e comprende inoltre anche alcuni consigli e video degli esperti.
  • Biotiful: database con più di 10 mila ingredienti e prodotti valutati singolarmente. Quest’applicazione è dotata anche di un Biolettore in grado i fotografare i prodotti o di riconoscerli tramite codice a barre.
  • Inci Ok: lettore automatico che consente di cercare i vari prodotti attraverso il codice a barre, per poi condividere tramite social il risultato.